Il Mendrisiotto nella campagna del PS

Il mio intervento si giustifica con una parola sola: Mendrisiotto, un distretto nel quale si concentrano tutti i problemi e tutte le opportunità di questo Cantone: lavoro, disoccupazione, frontalieri, ambiente, migranti, assistenza, commercio, banche.

L’assenza di un candidato del distretto nella lista per il CdS – caro Ivo, abbiamo ancora bisogno di te e di tutte le tue capacità. E siamo certi che ci sarai – ha creato un po’ di smarrimento in me e in altri compagni momò, perché il nostro distretto ha un assoluto bisogno del nostro partito, del suo impegno e dei suoi valori. Non possiamo noi socialisti abdicare di fronte alle politiche e idee altrui, ma dobbiamo con forza, soprattutto nel Mendrisiotto, ritornare a parlare con le persone. Per questo motivo invito i cinque candidati a impegnarsi a fondo, di persona, nel nostro distretto: non una presenza sporadica, distratta, ma forte, costante e determinata, sui temi che maggiormente interessano i Momò.

Penso ovviamente ai posti di lavoro per i residenti, al dumping salariale, alla qualità delle industrie che si insediano nel territorio, allo scadimento del lavoro e alle pressioni nelle professioni legate al terziario; penso ai posti di apprendistato e di lavoro per i giovani e quindi alle risorse da investire sia nel campo dell’orientamento sia nel sostegno ai medesimi giovani che non trovano lavoro, ricordando che il Mendrisiotto è la regione più penalizzata; penso ovviamente alla mobilità e all’ambiente (valgano su tutti qui la futura battaglia contro la costruzione della terza corsia autostradale tra Chiasso e Lugano e la prosecuzione di Alptransit fino a Chiasso); penso alla socialità, per la quale bisogna immaginare qualcosa di nuovo, in particolare nel campo dell’assistenza e dei costi che gravano sui singoli comuni; penso alle persone in assistenza, che devono diventare risorse importanti per la nostra società e non essere considerate un peso; penso, per finire, ai richiedenti l’asilo e al futuro centro federale di Pasture, che dovrà diventare una ricchezza per il nostro territorio.

Ho elencato solo alcuni temi e alcune sfide: il Mendrisiotto non è certamente l’unico ad essere confrontato con loro, ma diciamo che il livello di concentrazione delle problematiche nei pochi chilometri quadrati del nostro distretto è decisamente superiore alla media.

E per questo motivo, lo ripeto, il nostro distretto ha bisogno di voi, della vostra presenza, della vostra forza e determinazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *