I venti dell’odio

“Non bisogna uscire da Auschwitz rattristati, ma inquieti rispetto a noi e al mondo contemporaneo”. Con queste parole Piotr Cywinski, Direttore del museo di Auschwitz-Birkenau, ha chiuso il suo intervento in occasione della presentazione degli Atti del Progetto Lugano città aperta.

Ciò che Cywinski ha più volte sottolineato è il legame che corre fra quanto successo allora e quanto accade oggi. Non un discorso retorico, ma un interrogativo che si pone all’uomo e alle sue coscienze. L’Olocausto fu reso possibile da persone che agivano nei campi di concentramento come se nulla fosse, considerando le loro attività alla stregua di un lavoro “normale”. Ciò che deve interessare maggiormente non sono quindi paradossalmente le vittime, per le quali tutti i visitatori del museo provano compassione, ma i silenzi delle persone che contribuirono a quella pagina di storia.

Per esprimere meglio questo concetto, Cywinski ha ripreso una domanda postagli da un visitatore al termine della visita nel suo museo. Dopo aver allargato il discorso al genocidio dei Rohingya, il visitatore chiese: “Ma perché negli anni ’40 nessuno si oppose allo sterminio degli Ebrei?” Di fronte all’abominio commesso ai giorni nostri in Myanmar, la questione fu rivolta al passato e non al presente. Nessun interrogativo sulla mancata reazione della comunità internazionale a quel genocidio. Ma cosa facciamo noi oggi, adesso, per evitare che queste efferatezze si ripetano?

Cywinski non ha dato risposte, ma ha parlato alle coscienze dei presenti, fra cui diversi allievi delle scuole medie di Chiasso, che recentemente hanno vinto il premio della Fondazione Spitzer.

Personalmente sono uscito dall’incontro molto provato e con molte domande. È fin troppo semplice, ma non semplicistico, fare dei paralleli con la realtà odierna, in cui venti di odio e paure sono utilizzati per giustificare decisioni e politiche assurde e disumane, alimentando una vera e propria guerra fra poveri, secondo la logica del “tu sei sfortunato, l’altro lo è di più e non può essere accolto”.

Dobbiamo tutti aprire gli occhi e ribellarci all’accettazione di quest’idea: non perché dobbiamo essere buoni o addirittura buonisti, come vengono definiti coloro che nutrono una profonda sensibilità verso questo tema, ma perché siamo uomini che si confrontano con altri uomini, e la nostra sofferenza è diversa dalla loro solo per le contingenze, ma nella sostanza ci accomuna: perché ciò che cercano loro, lo cerchiamo giustamente anche noi; perché da questa guerra assurda usciamo tutti perdenti: loro vittime di decisioni assurde, noi vittime ma anche artefici di queste decisioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *