Una misura a favore del nostro territorio

Il problema del traffico nel Mendrisiotto si acuisce di giorno in giorno. Il numero di veicoli sulle nostre strade è in crescita costante da ormai 30 anni e purtroppo non sono mai state adottate misure per limitarlo. Rispetto al 1990 circolano 105’000 veicoli in più sulle nostre strade. Questo continuo aumento ha purtroppo gravi ripercussioni sull’ambiente della nostra regione. Da una parte abbiamo l’aria più inquinata della Svizzera, nonostante i miglioramenti degli ultimi anni, e in secondo luogo si continua a sacrificare il poco verde rimasto a favore della cementificazione e di nuove strade. Prendere misure in grado di modificare le abitudini della mobilità richiede coraggio. Oggi possiamo finalmente agire, adottando una misura che, in prova per 3 anni, servirà a incentivare economicamente i grandi generatori di traffico a sviluppare una mobilità sostenibile. Non si tratta quindi di una tassa a carico dei cittadini. E se anche i centri commerciali dovessero riversare sulle nostre tasche tale costo, sapremo che ciò avviene per una buona causa, ossia per la salvaguardia del nostro ambiente e del nostro territorio. E per il futuro dei nostri figli e nipoti. Come pendolare e utente dei trasporti pubblici sono a favore della tassa, in quanto il 100% dei proventi sarà vincolato per legge al finanziamento e potenziamento dei trasporti pubblici.

La tassa ha quindi uno scopo preciso: ridurre i posteggi gratuiti presso le grandi aziende e finanziare i trasporti pubblici. La tassa di collegamento non è certamente la risposta a tutti i mali del Mendrisiotto: il raddoppio del Gottardo e la recente affermazione del Consigliere federale Ueli Maurer, che vorrebbe aprire al transito dei camion anche durante la notte, richiedono però una risposta forte e misure concrete in grado di ridurre il traffico privato. Il lamento fine a se stesso non porta risultati: rifiutare questa proposta non genera alcun miglioramento della situazione attuale e ci costringerà ad attendere ancora molto tempo per avere una nuova misura approvata da governo e parlamento. Tutto ciò a nostro discapito. È giunto quindi il momento di agire: per questo dico sì alla tassa di collegamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *