Largo ai giovani…o forse no?

Diciamocelo: questa cosa di lasciare spazio ai giovani ha il sapore della demagogia! Ma qualcuno ci crede veramente? Ogni quattro anni i giovani vengono strumentalizzati: tocca a voi, voi siete il nostro futuro, favoriamo la gioventù… Poi vai a leggere le liste dei candidati e ti rendi conto che nulla (o quasi) cambierà. Tanto rumore per nulla?Ahimé temo di sì. Ma ho l’impressione che qualche cosa stia cambiando veramente. In casa socialista ad esempio, la GISO (Gioventù Socialista) si sta facendo le ossa e i primi risultati sono lì da vedere: ha sicuramente portato un bel fermento. Anche negli altri partiti si intravedono visi nuovi e tanta voglia di lavorare. Peccato poi che alle elezioni “trionferanno” per lo più persone che siedono in Gran Consiglio già da anni! Con i risultati che abbiamo davanti ai nostri occhi. La paura dei partiti è sempre la stessa: “Quanti voti perderemmo se non si presentasse Tizio?” Ma nessuno si pone mai la domanda: “Quanto voti guadagneremmo se Tizio non si ripresentasse?”

Politici giovani e giovani politici, ossia i “trombati” delle prossime elezioni. A loro però un appello: continuate a lavorare perché chi semina adesso, magari raccoglierà fra qualche anno. Ma se si ci si limita ad osservare gli altri, non c’è nemmeno la speranza di cambiare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *